Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2010

Siamo state a Pizzoli lo scorso fine settimana, abbiamo scoperto che da Roma, in auto, ci si arriva comodamente, nonostante la neve e il gelo!

Siamo state accolte con calore e simpatia dai giovani della reception che hanno gli elenchi delle persone prenotate e ci hanno spiegato tutto.

Il sabato abbiamo iniziato i trattamenti al poliambulatorio, le persone prenotate sono puntualissime, alcune di loro erano al settimo trattamento!

In tutti i riceventi abbiamo avvertito un vero interesse a ricevere shiatsu, un’attenzione al lavoro che ricevono e un ascolto degli effetti che i trattamenti producono. Da parte nostra abbiamo sentito di trattare persone già educate nel loro lavoro di ricevente, abbiamo constatato quanto l’impegno dei nostri predecessori abbia generato e lasciato ottimi frutti. Quasi tutti i riceventi ci hanno restituito dei feedback spontanei e ci hanno comunicato la loro riconoscenza. Una signora ci ha portato due panini buonissimi preparati da lei e dei dolci altrettanto buoni!!

Ora le persone chiedono dove poter continuare i trattamenti anche a pagamento, abbiamo risposto di prendere contatti con la F.I.S. della regione Abruzzo.

Abbiamo avuto l’impressione che, pur vivendo in uno stato di preoccupazione e paura, le persone grazie allo shiatsu, stanno andando verso una consapevolezza più profonda del proprio corpo, parlano di meno e si ascoltano di più, sono più coscienti di cosa stanno ricevendo e come lo shiatsu li stia aiutando.

Ringraziamo tanto gli organizzatori di questo progetti e tutti gli operatori che ci hanno precedute, per noi è stata un’esperienza in cui ci siamo sentite insieme a voi tutti e felici di poter aggiungere un pezzettino del nostro lavoro sulla via dello shiatsu.

Siamo consapevoli del grande lavoro di organizzazione che è stato fatto da chi si è occupato del progetto e  del grande lavoro degli operatori che ci hanno precedute!

Cari saluti e buon shiatsu a tutti.

Giovanna e Mariangela

Annunci

Read Full Post »

Queste le mie ultime considerazioni sull’esperienza a Pizzoli.
Sono stata in Abruzzo il 19/20 dicembre e il 16/17 gennaio. La prima volta non sapevo cosa mi aspettava, ero un po’ ansiosa e una volta passato il w/e ancora non riuscivo a metabolizzare l’esperienza.
Al secondo w/e sapevo già tutto, per lo meno non dovevo preoccuparmi dell’organizzazione logistica…

Anche questa volta ho incontrato persone molto diverse tra loro, uomini e donne, giovani, adulti, anziani, ognuno con i propri problemi alle spalle, familiari e di salute: li univa tutti la paura, la preoccupazione e lo straniamento che il terremoto aveva provocato, e che si erano andati ad aggiungere improvvisamente ai precedenti quotidiani problemi. Pochi sanno davvero cosa sia lo Shiatsu, pensano che sia una sorta di fisioterapia, oppure si immaginano che possa alleviare magicamente le proprie sofferenze. Molti avevano bisogno anche solo di essere ascoltati per qualche momento, bisogno di essere presi in considerazione. Persone che hanno provato sollievo e mi sono state grate solo per il fatto di essere state “coccolate” e ascoltate per qualche minuto, per avere avuto un contatto umano, che mi hanno raccontato i loro problemi personali, le loro angosce, le loro preoccupazioni. Persone a cui sono stata molto vicina per qualche momento e di cui molto probabilmente non saprò più nulla, neanche se il mio trattamento li ha potuti almeno temporaneamente aiutare (questo molto mi spiace).

In queste mie considerazioni parlo più di solidarietà che di Shiatsu….

Lo Shiatsu è stato il mezzo che mi ha permesso di fare questa esperienza di reale solidarietà, un’esperienza intensa, che permette di avvicinarsi e di rendersi davvero conto di cosa possa voler dire perdere improvvisamente tutti i più importanti punti di riferimento sociali (la casa in primo luogo, ma anche i luoghi che si è soliti frequentare, il lavoro…), e di come molto spesso, i medici di famiglia non sono in grado, non hanno voglia, tempo di ascoltare: di contatto umano e di ascolto ce n’è bisogno ovunque, e forse nelle zone in cui la gente sta materialmente bene ci si è dimenticato di questo.

L’organizzazione predisposta dall’Albergo “La Gioia” è sempre stata ottima, e le persone disponibili e simpatiche.

Spero che questa attività di volontariato possa durare ancora a lungo, a Pizzoli, ma magari anche in altre zone;
Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato perchè questa attività di volontariato sia stata possibile.

Viviana Iannazzo

Read Full Post »

Ciao a tutti,
Anche io e Cristina in questo ultimo weekend abbiamo vissuto l’ esperienza Shiatsu in Abruzzo con grande interesse e attenzione, e ce ne siamo arricchiti !
E’ veramente un notevole sostegno ed in certi casi determinante per alcuni quello che riusciamo a dare.
Il Contatto e la Pressione funzionano !!!
Riusciamo a muovere, sensibilizzare coscienze nella giusta maniera e nel giusto modo, con cortesia, in silenzio e con tanto amore verso la strada del benessere e della serenità.
Per queste persone scosse dal terremoto e dalla Paura, le problematiche preesistenti di salute, poi le più comuni, tendenzialmente si aggravano, o altre ne insorgono e accelerano il decorso. …E se ne incontrano di
schiene dure e assopite !  Nella lista di appuntamenti infatti si è presentata gente che aveva ricevuto shiatsu già più volte nei fine settimana precedenti,  soddisfatti e disponibili. E non è poco, per chi prima di allora non sapeva assolutamente cosa fosse e come funzionasse. !!
Certo una mia riflessione immediata è stata quella, e quindi un invito, che tutti noi, al di là degli eventi catastrofici e sconvolgenti che possono  accadere (e ne accadono e ne accadranno), si prenda coscienza di noi stessi
e si acquisisca consapevolezza sulle enormi risorse individuali che possediamo, con un approccio e una visione olistica con metodiche e rimedi naturali per mantenerci quantio più in salute. Lo Shiatsu può offrirci questo !!!

Il miglior shiatsu per tutti, e che sempre più gente possa entrare nel nostro mondo.

Un caro saluto e un buon lavoro

Daniele Binarelli

Read Full Post »

Carissima Nadia e colleghi,

come mai non ho fatto una relazione? Non c’è un motivo preciso, forse il fatto che non volevo ripetermi e raccontare cose che già erano state ben esposte, oppure perchè veramente sono stata molto colpita da quello che mi sono trovata di fronte.
Le giornate erano grigie dalle nuvole colme di pioggia e neve in arrivo, ma è lo stesso grigiore che si vedeva negli occhi delle persone che incontravi sia nella casa accoglienza che in quelle che sono venute a ricevere Shiatsu.
Mi hanno colpito tante cose.
Aver conosciuto un’anziana nella casa alla nostra prima cena di nome Vittoria, lei ci ha fatto compagnia a tavola per tutta la nostra permanenza con i racconti della sua vita e di quello che il terremoto alla fine le aveva donato: una casa, pasti pronti e la compagnia di altre persone visto il suo percorso di vita dalla nascita molto difficile, ma lei aveva sempre il sorriso e la barzelletta pronta. Mi ha trasmesso la gioia di vivere nonostante le sue disgrazie e nonostante la perdita della casa.
La prima mia ricevente si chiamava Adele…il nome di mia nonna da cui deriva il mio.
Una fatalità, non avevo mai conosciuto una persona con questo nome antico e me la trovo lì all’Aquila.
Poi tanti giovani, la terza  delle persone trattate, e questo ci ha fatto molto piacere, erano alla prima seduta e quindi non lo conoscevano. I loro sguardi dopo il trattamento  ci hanno riempito di carica e voglia di trasmettere loro questo strumento di contatto da loro molto apprezzato. Ecco l’idea di tornare da loro in primavera per un corso amatoriale di Shiatsu e Tai-Chi, .speriamo di  poter mantenere la promessa fatta.
Comunque come è successo a tanti colleghi nel ritorno la sensazione  che rimane dentro è semplicemente quella che è più quello che ci portiamo a casa che quello noi abbiamo lasciato a loro,  e questo è ancora quello che mi rimane dopo un mese dall’esperienza. Oltretutto ci tornerei anche subito, anzi ringrazio tutto lo staff che mi ha permesso di arrivare nel cuore dell’Abruzzo.
Questo è lo Shiatsu e tutto ciò che ci dona.
Un abbraccio forte forte, alla prossima..

Adelina

Read Full Post »